Missione diplomatica: definizione

Una missione diplomatica è un insieme di persone, nominate da uno Stato (detto "Stato accreditante"), che esercitano, sotto l'autorità di un capo missione, funzioni di carattere diplomatico sul territorio di uno Stato straniero (detto "Stato accreditatario"). In concreto, questo termine indica molto spesso anche i luoghi dove lavorano queste persone.

Funzioni di una missione diplomatica

Secondo l'art. 3 della Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche del 18 aprile 1961, le funzioni di una missione diplomatica consistono segnatamente nel:
- rappresentare lo Stato accreditante presso lo Stato accreditatario;
- proteggere nello Stato accreditatario gli interessi dello Stato accreditante e dei cittadini di questo, nei limiti ammessi dal diritto internazionale;
- negoziare con il governo dello Stato accreditatario;
- informarsi, con ogni mezzo lecito, delle condizioni e dell'evoluzione degli avvenimenti nello Stato accreditatario e fare rapporto a tale riguardo allo Stato accreditante;
- promuovere le relazioni amichevoli e sviluppare le relazioni economiche, culturali e scientifiche tra lo Stato accreditante e lo Stato accreditatario.

Ambasciate e consolati

Le ambasciate gestiscono questioni relative ai rapporti fra gli Stati, mentre i consolati si occupano di questioni relative ad aziende o individui (come ad esempio l'emissione di un visto per una persona...).
Le ambasciate hanno solitamente sede nelle capitali degli Stati e spesso dispongono di una sezione consolare.
È questo il motivo per cui quasi tutti i consolati non si trovano nelle capitali.